Dai dati analitici ai fatti.

Durante la mia carriera professionale ho ricoperto quasi ogni ruolo all’interno dell’organigramma di un’impresa, dai processi produttivi alla direzione. Un’esperienza che mi ha permesso di scoprire l’importanza di due aspetti fondamentali per far crescere un’azienda manifatturiera: i dati analitici e la giusta mentalità. 

 

Quando parlo di analisi e di numeri, mi piace raccontare di come senza un dato ogni opinione sia errata. Nelle aziende accade spesso: la produzione pensa che l’area commerciale non capisca le dinamiche produttive; il commerciale intanto pensa che la produzione sia disorganizzata e non efficiente come potrebbe essere; l’amministrazione si trova in mezzo ai due fuochi e non sa cosa pensare, quindi esegue senza avere chiara la situazione delle altre aree. 

 

Il mio obiettivo quando entro in azienda è migliorare i processi produttivi, garantire il benessere delle persone, digitalizzare i processi industriali e studiare l’efficacia dell’intera supply chain. 

Per fare tutto questo il primo passo è quello di portare i numeri in azienda, e renderli chiari e leggibili a ogni membro della squadra di lavoro. Davanti al dato analitico tutto diventa più chiaro e portare chiarezza è l’unico modo per rendere l’azienda più efficiente. Se il dato è oggettivo e viene spiegato, non rimane più spazio per le opinioni approssimative. 

 

Per aiutarmi in questa operazione, e grazie all’esperienza di programmazione, ho ideato e sviluppato un’applicazione che si occupa proprio di mappare i processi, definire i parametri aziendali e renderli più chiari ai collaboratori di settore. 

 

Grazie a questo sistema il responsabile di produzione riesce a pianificare con più facilità le lavorazioni e le risorse. L’imprenditore – o lo staff dirigenziale – ha invece sotto mano tutti i famosi KPI, cioè gli indici che permettono di verificare l’andamento dei processi e che ogni manager dovrebbe imparare a leggere per capire più a fondo la propria realtà.

 

I dati analitici sono quindi il punto di partenza, lo start da cui può avere inizio il processo di miglioramento aziendale. Dal dato si passa poi ai fatti. 

 

Alessandro Fadini

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Iscriviti a “Valore Aggiunto”

Il bollettino di approfondimenti, suggestioni, ispirazioni e notizie sul mondo del lavoro e delle aziende.
A differenza delle solite newsletter che non vuoi, questa ti piacerà leggerla e riceverla.

Segui Mentor & Faber su LinkedIn

MILANO
Via Andrea Massena, 8, 20145
02 4775 6886
milano@mentorfaber.it

VERONA
Via Augusto Righi, 6, 37135
045 2222 990
verona@mentorfaber.it

P.IVA 04551680236 | Aut.Min.Lavoro Ricerca&Selezione DDR 3330 del 12.04.2018 | CAP. SOC. i.v. 25.000 €

Torna su

Abbatti costi e tempi della selezione

Riservato alle aziende

Trova il tuo prossimo Manager

Abbatti i costi e i tempi della selezione.